Forex trading. Guida completa al trading e ai broker forex.
Home / News / Dollaro USA Analisi Forex 12 Gennaio 2018

Dollaro USA Analisi Forex 12 Gennaio 2018

Giovedì, una doppia mandata di notizie negative ha spinto il dollaro USA a scendere contro le altre valute major. Il dollaro è stato spinto al ribasso da una combinazione di inflazione dei produttori USA più debole del previsto e commenti della Banca centrale europea che potrebbe prepararsi a ridurre il massiccio stimolo monetario.

I Futures di marzo sull’indice del Dollaro USA sono scesi a 91.608, in calo di -462 o -0,50%. Giovedì, i dati sui prezzi alla produzione negli Stati Uniti hanno mostrato che l’indice è sceso per la prima volta in circa 1 anno e mezzo a dicembre, il che potrebbe attenuare le aspettative che l’inflazione accelererà nel 2018.

Il dipartimento del lavoro ha dichiarato che il suo indice dei prezzi alla produzione per la domanda finale è scivolato dello 0,1% il mese scorso. Questo è stato il primo calo del PPI da agosto 2016 e ha seguito due aumenti mensili dritti dello 0,4 percento.

Nei 12 mesi fino a dicembre, il PPI è aumentato del 2,6% dopo l’accelerazione del 3,1% a novembre. Gli economisti avevano previsto che il PPI aumentasse dello 0,2 per cento il mese scorso e aumentasse del 3,0 per cento rispetto a un anno fa.

L’anno scorso, il PPI è aumentato del 2,6% dopo l’avanzamento dell’1,7% nel 2016.

Inoltre, giovedì l’euro, che rappresenta circa il 57% dell’indice, si è radunato dopo che i responsabili delle politiche della BCE hanno dichiarato in un resoconto della riunione di dicembre della banca di poter rivedere la loro posizione di comunicazione all’inizio del 2018, aumentando le aspettative che si stanno preparando a ridurre il loro ampio programma di stimolo monetario.

La coppia EUR / USD ha rintracciato poichè gli investitori hanno interpretato i verbali come hawkish in quanto potrebbero indicare che la BCE farà scendere il suo piano di acquisto di bond da 2,55 miliardi di euro ($ 3,07 trilioni) quest’anno se l’economia europea continuerà a crescere.

Oro

I prezzi dell’oro sono saliti giovedì mentre il patrimonio di rifugio sicuro ha continuato a salire verso il massimo di quattro mesi dopo che i verbali di una riunione della Banca centrale europea hanno mostrato un tono più aggressivo e hanno spinto l’euro contro il dollaro statunitense.

Gli acquirenti d’oro hanno anche reagito a dati economici deboli che hanno spinto verso il basso il dollaro USA, contribuendo a rafforzare la domanda per le materie prime denominate in dollari. Gli acquirenti hanno anche aumentato le scommesse che la Fed potrebbe dover ridurre sul numero di aumenti dei tassi di interesse previsti nell’ultima riunione di dicembre.

Olio crudo

US West Texas Intermediate e i future sul petrolio greggio Brent sono saliti verso i massimi pluriennali giovedì dopo che il ministro del petrolio degli Emirati Arabi Uniti (UAE) ha fatto intendere che un’alleanza tra OPEC e produttori non OPEC, inclusa la Russia, potrebbe continuare ben oltre il loro attuale accordo per frenare la produzione di petrolio.

Mercati azionari statunitensi

I tre principali indici azionari statunitensi hanno toccato i massimi storici giovedì dopo che i deboli dati sull’inflazione dei produttori statunitensi hanno suggerito che la Fed potrebbe dover ridurre le sue previsioni per tre rialzi dei tassi nel 2018. Alcuni investitori hanno attribuito il rally alle scommesse speculative che la crescita economica riprenderebbe.

About Redazione

Check Also

Analisi Forex 13 Ottobre 2017

Analisi Forex 13 Ottobre 2017

Il Dollaro USA è riuscito a chiudere la settimana con un pareggio delle perdite contro …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *