Forex trading. Guida completa al trading e ai broker forex.
Home / News / Analisi Principali Coppie Forex 3 Febbraio 2017

Analisi Principali Coppie Forex 3 Febbraio 2017

Vediamo insieme le principali coppie Forex durante questa ultima sessione della settimana, con uno sguardo attento a quello che è successo venerdì con i Non-Farm Payrolls.

AUD/USD

La coppia AUD/USD sta andando lievemente al ribasso durante la giornata di venerdì. Non c’è stato alcun movimento particolare dopo il forte rally della giornata di giovedì. Le prese di profitto e i dati economici deboli da parte della Cina sono principalmente i segnali che stanno dietro alla debolezza generale di questa coppia. Gran parte dei trader hanno inoltre deciso di bilanciare la propria esposizione a fronte del Non-Farm Payrolls della giornata di oggi, fattore che sta contribuendo ai bassi volumi di oggi.

La coppia AUD/USD è attualmente scambiata all’interno di un canale di uptrend. I limiti del canale sono di .7715 per la parte superiore a .7615 per quanto concerne la parte inferiore. Crediamo che il movimento rialzista possa continuare fintanto che il cross continuerà a rimanere all’interno del canale.

Indice del Dollaro USA

I Futures di marzo del Dollar Index stanno andando al rialzo durante questa ultima sessione della settimana di venerdì. Il rally è stato principalmente guidato dalla notizia che la Banca del Giappone ha offerto di acquistare titoli di Stato giapponesi. La notizia è una sorpresa per gli investitori e molto credono che potrà far crollare i rendimenti dei JGB.
Sarà importantissimo il rapporto degli Stati Uniti dei Non-Farm Payrolls. Questo rapporto è importante perché potrebbe contribuire a influenzare la Fed ad alzare i tassi il più presto possibile.

Sulla base del prezzo corrente di 100.04 e la price action, la direzione del Dollar Index sarà sicuramente messa in difficoltà al livello del 50% che si trova a 99,80 circa.

Un movimento rialzista sopra i 99.82 indicherà la presenza di acquirenti. Il rally iniziale potrà essere molto difficile da completare a causa della potenziale resistenza a 100.03 e 100,106.

Oro

Come la maggior parte dei mercati finanziari, i prezzi dell’oro sono rimasti in fase di consolidamento in quanto i mercati sono attesa del rapporto sull’occupazione dagli Stati Uniti.

I prezzi dell’Oro si sono comunque molto fortificati dall’inizio dell’anno ad oggi, superando per ben due volte la soglia psicologica importantissima di 1.200.

Non Farm Payrolls

I Non Farm Payrolls appena rilasciati il 3 Febbraio 2017, riguardanti ovviamente il mese di Gennaio, sono stati ancora una volta molto positivi.

Stiamo parlando di un dato estremamente sopra le righe. Ricordiamo infatti che i Non Farm Payrolls, ovvero i Libri paga non agricoli, sono un dato importantissimo che misura la variazione del numero di persone impiegate nel corso del mese precedente, escludendo il settore agricolo. La creazione di occupazione è il primo indicatore della spesa dei consumatori, che rappresenta la maggioranza dei dell’attività economica.

Dati superiori alle aspettative vanno interpretati come positivi e dunque rialzisti per il dollaro, mentre un dato inferiore al previsto va necessariamente interpretato in senso ribassista per il Dollaro USD.

Il dato è di 237 mila persone impiegate contro una previsione di 169 mila e un dato precedente di 165 mila.

Ciò ha permesso ad il Dollaro USA di muoversi più in alto grazie al Non-Farm Payrolls ottimo, anche se gran parte dei guadagni sono stati “tagliati” a causa del Salario orario medio (Mensile) (Gen) che è stato sotto le aspettative: 0,1% rispetto alle attese di 0,3% e al dato del mese scorso di 0,2%.

Come è possibile notare la coppia EUR/USD è in rialzo dello 0.21%, mentre la coppia USDJPY è in ribasso dello 0.21%. Le due coppie più importanti del forex stanno andando in posizioni diametralmente opposte e questo ci conferma ancora una volta che la forza del Dollaro deve ancora incominciare a farsi sentire.

L’innalzamento del tasso d’interesse USA è vicino

Potremmo quindi aspettarci molto presto un innalzamento del tasso d’interesse in USA, e non solo. Sembra infatti che ci sia un’altra banca centrale molto concentrata ad un innalzamento dei tassi, e quella nazione non è solo gli Stati Uniti. La banca centrale cinese ha inviato il segnale forte innalzando i rtes a breve termine. Il primo giorno di negoziazione dopo la lunga vacanza di Capodanno è iniziato con la banca in Cina  che ha innalzato i tassi sui pronti contro termine di operazioni di mercato aperto di ben 10 punti base, operazione già valida da oggi. Questo è senza dubbio un’altro segnale che ci avvisa che le autorità si stanno concentrando sul tentativo di controllare una bolla immobiliare, ma molto lo vedono anche come un modo cercare di fermare il deprezzamento dello yuan, anche se l’aumento dei tassi si concentra sui pronti contro termine.

About Redazione

Check Also

borsa virtuale 24

Imparare il trading in Borsa con un gioco

Molto spesso diciamo che in Borsa si gioca, l’espressione giocare in Borsa è di fatto …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *