Forex trading. Guida completa al trading e ai broker forex.
Home / News / Continua la debolezza del Dollaro Australiano

Continua la debolezza del Dollaro Australiano

Oggi daremo uno sguardo al Dollaro Australiano, che nonostante un venerdì in recupero chiude la settimana con una perdita sostanziale, analizzando anche la simile situazione in cui versa il Dollaro Neozelandese.

È emerso infatti un quadro ribassista sul prezzo del Dollaro Australiano, in special modo sul grafico settimanale. Nel medio periodo, in particolare durante gli ultimi 12 mesi i prezzi si sono mossi dentro un range con supporto a 0.7161 e resistenza su 0.7775.

I prezzi parlano chiaro: siamo di fronte ad una grande debolezza sul dollaro Australiano, che coincide proprio con la caduta dei prezzi sul supporto dinamico, che potrebbero frenare il crollo improvviso dei prezzi:

Continua la debolezza del Dollaro Australiano
Continua la debolezza del Dollaro Australiano

AUD/USD: dove è diretto il prezzo

L’area di 0.73 sembra essere a tutti gli effetti un supporto dinamico che rappresenta il prossimo target di questo mercato finanziario. Non consigliamo di aspettare il rimbalzo su questo mercato, che sembra essere ancora estremamente barista.

Dunque senza un rimbalzo, il mercato potrebbe essere ancora venduto, e potrebbe portare il successivo target intorno all’area di 0.7250-0.7160.

Dollaro Australiano e Dollaro Neozelandese: come si chiude la settimana

Il Dollaro australiano ed il Dollaro Neozelandese stanno recuperando durante questa sessione di venerdì, dopo le vendite che ci sono state durante la settimana. La causa della price action è da imputare dalle condizioni tecniche sovradimensionate e dal dollaro USA più debole.
Attualmente AUD / USD è negoziato a .7395, in rialzo dello 0,24% e il NZD / USD è scambiato a .6845 in ribasso dello -0,03%.

La coppia AUD/USD ha avuto molta pressione in precedenza nella settimana, dopo che le vendite al dettaglio australiane sono rimaste sotto le aspettative. Tuttavia, la vendita si è interrotta con il rilascio del bilancio annuale.
La coppia NZD / USD è crollata dopo che la Reserve Bank of New Zealand ha presentato una dichiarazione di politica monetaria sorprendentemente dovish, che ha suggerito di restare neutrale sui tassi di interesse più a lungo di quanto previsto. Inoltre, la Reserve Bank of New Zealand non ha aggiornato la sua previsione per quanto riguarda l’inflazione.

I dati economici di Giovedi e il parlamento alquanto hawkish di questa settimana da parte di diversi funzionari della Fed non sono riusciti a generare gli acquisti necessari per sostenere un breakout al rialzo del dollaro Usa. L’indice dei prezzi alla produzione ha mostrato che l’inflazione produttiva è aumentata del 0,5 per cento in aprile, più del previsto aumento dello 0,2 per cento. Le indennità settimanali senza lavoro sono arrivate a 236.000, ben al di sotto della stima di 245.000.

La direzione delle coppie AUD / USD e della coppia NZD / USD durante questa sessione di venerdì, molto probabilmente verrà determinata dalla reazione dei trader alle relazioni sull’inflazione dei consumatori Usa, sulle vendite al dettaglio e sul sentiment dei consumatori.

L’incertezza circa la ripartenza della crescita degli Stati Uniti e le preoccupazioni circa le ripercussioni politiche dell’improvvisato licenziamento del presidente del comandante federale dell’investigazione James Comey del Presidente Trump potrebbero aiutare a sostenere il dollaro australiano e quello della Nuova Zelanda. Nonostante quindi i pattern tecnici di rilievo, i fattori macroeconomici sono quindi a dir poco fondamentali in questa fase di mercato.

About Redazione

Check Also

Analisi Forex 1 Settembre 2017: EUR/USD continua il movimento rialzista

Il cambio EUR/USD continua ad andare ancora al ribasso, in quanto durante la giornata di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *